L’entità sionista incendia il Golan siriano occupato

*

Le forze coloniali d’occupazione sioniste appiccano il fuoco a terreni e foreste, mentre i coloni ebraici dissacrano i Santuari nel Golan siriano occupato.
*
Quneitra / Golan occupato – 4 luglio 2012 – In linea con le pratiche ostili nei confronti del Golan siriano occupato, martedì le autorità di occupazione israeliane hanno deliberatamente appiccato il fuoco alla città occupata di Banias, nel settore settentrionale.

Il giornalista dell’agenzia SANA ha citato un certo numero di residenti del Golan i quali hanno testimoniato che il fuoco si sta sviluppando su spazi enormi di aree agricole e forestali, da est della città archeologica di Banias, alla zona di Shilal  Sa’ar.

Il Governatore di Quneitra, Hussein Arnous, ha indicato le ripetute violazioni da parte l’occupazione israeliana delle risoluzioni internazionali, aggiungendo che il governatorato ha preso una serie di misure precauzionali per spegnere qualsiasi incendio sviluppato dalle autorità di occupazione israeliane lungo la linea del “cessate il fuoco”.

A sua volta, il capo del Dipartimento Affari dell’Ambiente del governatorato, Hamzeh Suleiman, ha detto che le forze di occupazione hanno appiccato tre incendi nel Golan nelle ultime settimane, con lo scopo di danneggiare l’ambiente e le persone della zona, a causa del loro attaccamento alle proprie terre.

I coloni israeliani intanto dissacra un Santuario situato nel Golan siriano occupato.

I coloni israeliani hanno attaccato il santuario del sultano Ibrahim, in Banias, nel Golan siriano occupato, dissacrando le sue pareti con graffiti razzisti. Hanno anche tentato di attaccare il santuario di al-Khidr.

Alameddin Beshara, custode del santuario del Sultan Ibrahim, ha detto che i responsabili di questo crimine contro la santità del Golan sono coloni che giungoano dagli insediamenti nella parte occupata di Gerusalemme, e che questa non è la prima volta che hanno attaccato il santuario, avendo iniziato le loro incursioni già sin dal Luglio 2011.

Beshara ha detto che i coloni vengono ogni settimana, cercando di intimorire la popolazione locale e di dividere e distruggere i due santuari, ma la gente del Golan occupato non li teme e resiste con tutte le proprie forze.

M. Nassr / H. Said / H. Sabbagh – SANA
http://www.sana.sy/eng/21/2012/07/04/429347.htm

Traduzione e adattamento a cura di FFP & WA per TG24SiriaSyrianFreePress.net Network

link a questa pagina
https://tg24siria.wordpress.com/2012/07/06/69/

*

*

*

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...