Siria, Arrestati quattro piloti militari turchi, Erdogan coinvolto fino al collo.

Ieri le Forze Armate siriane hanno contrastato i gruppi terroristici armati su vari fronti della Siria, prendendo di mira covi dei terroristi in diverse operazioni che hanno portato all’uccisione di molti criminali e a numerose perdite nelle fila delle bande armate e loro attrezzature.

Watan

*

Inoltre l’aeroporto di Damasco è stato dichiarato zona sicura al 100%, mentre, secondo il quotidiano Al-Watan, membri delle guardie dell’aeroporto militare di Kwires , ad Aleppo, sono riusciti ad arrestare quattro piloti turchi che tentavano di infiltrarsi insieme ad una banda armata all’interno dell’aeroporto, confermando il flagrante coinvolgimento diretto del governo di Erdogan nella crisi siriana e nello spargimento del sangue siriano.

Contemporaneamente, fonti ben informate del partito “Giustizia e Sviluppo”, nello stesso governo di Erdogan, hanno svelato al quotidiano libanese “Al-Hayat” che il piano, che era stato preparato quasi due mesi fa, da esperti turchi e militari dell’opposizione siriana, prevedeva un attacco simultaneo a tutti gli aeroporti strategici delle province siriane, in modo da paralizzare il trasporto aereo ed impedire tutti i rifornimenti (umanitari, alimentari e militari) provenienti dai paesi amici (come Iran, Russia, Venezuela, Algeria) al fine di paralizzare il sistema militare e mandare in bancarotta l’economia del paese, in modo che, secondo loro, il governo non possa essere più in grado di andare avanti. Oppure, sottolieano ancora le fonti, “facendo comunque in modo che il governo siriano non sia più in grado di continuare a combattere a causa di questo blocco”, in particolare dopo la decisione di Ankara di boicottare ogni possibilità di sforzo di Brahimi, dicendo che il suo piano “è venuto in un momento sbagliato”.

Da sottolineare che già all’inizio di dicembre era stata annunciata, dai terroristi dell’opposizione armata, la cosiddetta battaglia di Damasco, durante la quale i terroristi avrebbero tentato di attaccare tre aeroporti, a Damasco ed in periferia, incluso l’aeroporto civile internazionale di Damasco, in simultanea con quello di Aleppo.

Ma la contro-mossa dell’esercito ha portato al fallimento di questa battaglia, infliggendo enormi perdite tra le file dei terroristi, tra cui l’uccisione di 3 piloti libici e l’arresto di altri 5 piloti d’altra nazionalità, i quali erano stavano controllando alcuni degli aerei presso l’aeroporto militare di Mezzeh, con l’intento di rubare e pilotare alcuni caccia-bombardieri governativi, simulando di essere dei piloti siriani disertori.

Solo dopo il loro arresto si è scoperto che essi erano dei piloti libici i quali furono anni fa inviati, in un rapporto di collaborazione e scambio d’esperienza militare, dall’ex governo libico ai tempi in cui era al comando il colonnello Muammar Gheddafi, per essere addestrati dalle Air Force siriane nell’uso delle moderne tecnologie. Successivamente questi militari tradirono il proprio giuramento e gli alleati siriani che li avevano addestrati, diventando dei rinnegati della peggior specie, usando l’esperienza acquisita per danneggiare proprio coloro dai quali l’avevano ricevuta. Il massimo del disonore per un militare, tradire la Patria e gli amici.

*

TG24Siriahttp://www.syrianfreepress.net/  

*

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...