Siria, Adra, Il Massacro più Atroce, Massa Media e Organizzazioni Int. per Diritti Umani Tacciono (3 Video)

Siria, massa media ed organizzazioni internazionali per i diritti umani tacciano sul massacro più atroce della storia dell’umanità, Adra,

Ascoltando ieri i racconti dei civili fuggiti al massacro della città dei lavoratori di Adra, nel speciale del canale televisivo al-Mayadeen, perpetrato per mano dei takfiri wahhabiti che hanno effettuato pulizia etnica nei confronti del popolo siriano, decapitazioni e sterminio di intere famiglie, su una base settaria, appoggiati e sponsorizzati dall’occidente che ogni giorno, insieme all’Arabia Saudita, Qatar, Turchia e gli Usa, versano i lacrimi dei coccodrilli per la situazione umanitaria nel paese, mi viene a domandare:

E’ possibile che le vite umane dei siriani non valgono più niente? è possibile che gli interessi hanno accecato la coscienza del mondo o già non c’era?

Per noi era quasi impossibile mettere i sottotitoli per una trasmissione della durata di 60 min, non solo per mancanza di risorse e programmi di montaggio, ma anche perché non sarà mai possibile con dei sottotitoli trasmettere la sofferenza e il dolore, intanto vi riproponiamo questi tre filmati con sottotitoli e audio in Italiano
1) Siria, I sopravvissuti al massacro di Adra raccontano l’orrore che hanno vissuto. (Ita)

Il 30 dicembre 2013, in collaborazione con l’esercito nazionale siriano, più di 5.000 civili sono stati evacuati dalla città di Adra, che erano assediati da gruppi terroristici armati da più di due settimane. raccontano il terrore che hanno vissuto, massacri e decapitazioni mutilazioni … sulla base settaria della mentalità wahhabita per mano dei Takfiri sponsorizzati da Usa, EU, Golfo e Turchia.  

Video, Siria, Testimone oculare racconta il massacro della città di Adra in sobborgo di Damasco

La Dinamica dell’assalto 

L’11 dicembre alle sei del mattino grandi numeri delle milizie takfiriste di Al-Nusra e il fronte islamico hanno attaccato la città dei lavoratori Adra.

L’attacco era duplice, esterno dal lato del progetto d’espansione della città, e interno, di elementi armati (cellule terroristiche dormienti) che coordinavano con le milizie islamiste.

L’attacco è iniziato con degli scontri con elementi della stazione di polizia che sono stati martirizzati tutti.

Dopo, gli uomini armati hanno attaccato la clinica pubblica della città decapitando uno degli infermieri appendendo sua testa nel mercato popolare.

L’attacco è durato fin che le milizie hanno raggiunto il panificio pubblico della città, e prima della sera hanno preso il controllo di tutta le città industriale.

La città industriale di Adra comprende oltre ai sili di grano, più di 600 impianti industriali, e più di 100 mila civili da Damasco e Ghouta, Homs e Aleppo.

I takfiri islamici hanno eseguito decapitazioni pubbliche ai danni di operai, civili e funzionari governativi sempre più per motivi settari e confessionali, i mostri criminali hanno, tra l’altro, bruciato vivi nel forno del pane, tanti poveri cittadini di Adra caduti nelle loro grinfie. Decine vittime i cui corpi sono ancora nelle strade della città. Poche migliaia sono riuscite a scappare dalla città verso le due località di Hfer el-Tahta e Qutayfeh, mentre decina di migliaia sono ancora intrappolati e rischiano la vita.

Ora i terroristi sono schierati in tutta la città, innalzando voci di Takbir (Allah W Akbar), dalle strade e le moschee.

Linee telefoniche fissi funzionano molto difficilmente, mentre le linee di cellulare e l’energia elettrica sono interrotte parzialmente da alcuni parti della città.

Adra è situata a circa 30 km dall’ingresso est della capitale, e fa parte della Ghouta (Frutteti della periferia) est di Damasco.

3) Siria, Carneficina di Adra, Damasco, Terrore di Mortaio ad Aleppo, Kamikaze a DeirEzzour, ANNA-News

::::::::::::::::::::::::::::::::::

Siria, città Adra, La tragica storia del martirio e della dignitosa fine della famiglia Hasan (raccontata alla radio locale Sham FM)

Uomini armati avevano preso d’assalto la casa della famiglia Hasan, con l’intenzione di trascinarli fuori dall’abitazione e decapitarli, esattamente come avevano già fatto (sotto gli occhi atterriti dei componenti della famiglia Hasan, bambini compresi) con i membri delle famiglie dei loro vicini.

La tragica storia del martirio e della dignitosa fine della famiglia Hasan
La tragica storia del martirio e della dignitosa fine della famiglia Hasan

Ma papà Hasan ha deciso di non permettere che il sangue dei suoi cari fosse versato impietosamente, in maniera talmente terribile e disumana, ed ha scelto di perseguire un metodo che sebbene atroce fosse dignitoso, senza lasciare i suoi cari esposti alla mercé e nelle mani dei crudeli carnefici terroristi takfiri.

I banditi forestieri, dopo aver sfondato la porta principale di casa, avevano fatto irruzione, tutti e 8 armati sino ai denti, nella stanza dove la famiglia aveva provato a trovare rifugio, quando padre Nizar Hasan (ingegnere, sia lui che la moglie) ha fatto esplodere alcune granate che gli aveva procurato, per difesa personale, un amico poliziotto (già martire), con le quali ha portato alla morte istantanea tutta la famiglia, ma uccidendo anche tutti gli otto terroristi che avevano attaccato la sua casa.

Papà Nizar Hasan ha compiuto questo devastante estremo gesto con senso di assoluta carità.

Potete infatti immaginare lo stato d’animo di questo padre, che in tal modo decise di togliere coscientemente la vita a tutti i componenti della propria amata famiglia, piuttosto che vederli assistere terrorizzati alla morte l’un dell’altro, violentati, decapitati, fatti a pezzi.

Un gesto atroce quindi, ma estremamente eroico e carico di quella Dignitá di cui sono assolutamente privi i membri delle bande armate terroristiche e mercenarie che insidiano il fiero popolo siriano.

È interessante oltretutto notare che il piccolo Busher, il bambino nella foto, è diventato il martire più giovane della città di Adra. RIP

https://www.facebook.com/photo.php?fbid=783541368339623&set=a.424039350956495.121590.422106757816421&type=1&theater

One thought on “Siria, Adra, Il Massacro più Atroce, Massa Media e Organizzazioni Int. per Diritti Umani Tacciono (3 Video)

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...